Blog

MigliorAcquario

ELIMINARE LE ALGHE IN ACQUARIO

Oggi parliamo di come eliminare le alghe in acquario, un problema assai frequente specialmente a chi è agli inizi e molte volte si fa prendere dal panico nel vedere questa esplosione antiestetica.

Partiamo con il tranquillizzare i neofiti dicendo che in fase di avvio acquario, una esplosione algale è quasi scontata, questo avviene perché in acquario non si è ancora sviluppato un ecosistema equilibrato che permette di evitare il formarsi di questi eventi, passati i sei mesi dall’avvio però le cose dovrebbero essere equilibrate e se avessimo una esplosione algale dopo questo periodo allora dovremo trovarne la causa, che sicuramente sarà derivata da un eccesso di qualche sostanza.

Le principali cause di sviluppo algale sono legate a diversi fattori come un cambio di intensità luminosa, un eccesso di fertilizzazione correlata alla luce, mancanza di CO2, eccesso di No3 per un overstock di fauna, gestione non corretta dell’acquario come mancanza di cambi di acqua settimanali.

Ovviamente per chi è alle prime esperienze consiglio di leggere molti articoli su Internet, in genere presenti sui forum oppure sotto forma di Blog come su questo sito, tutti articoli che in genere riportano esperienze personali e sicuramente qualcuno prima ha avuto il nostro stesso problema, e sicuramente troveremo la soluzione.

Se vi trovate nelle situazioni sopra descritte potremo presumere che le alghe spariranno da sole nel giro di poco tempo, se invece avete in continuo una crescita spasmodica allora la tentazione di acquistare i prodotti anti alghe sarà sicuramente elevata, considerate che comunque il rimedio sarà soltanto immediato ma nel tempo se non si risolve la causa avrete nuovamente il ripresentarsi del problema.

Detto questo personalmente ho utilizzato prodotti antialghe della linea Easy-Life con ottimi risultati, questo perché dopo averne capito la causa ho voluto accelerare il processo di debellazione e per prevenzione utilizzo Carbonio Liquido.

L’acquario in questione è quasi totalmente privo di piante, quindi non ho nessun aiuto per smaltire gli NO3 se non dal Filtro, e in qualche momento la situazione è border-line tanto da utilizzare questi rimedi come prevenzione, ma se il vostro acquario è pieno di piante, la soluzione sarà sicuramente più semplice, ovvero trovare il giusto equilibrio tra Luce e fertilizzazione inclusa la CO2.  

PRODOTTI A BASE CARBONIO LIQUIDO

PREMESSA: quasi tutti i prodotti a base di Carbonio Liquido contengono GLUTARALDEIDE oppure nella forma di derivati come nel caso del FLUORISH EXCEL della linea Seachem, ma in ogni caso stiamo parlando di un potente disinfettante utilizzato anche nei reparti ospedalieri.

La definizione carbonio liquido nel tempo ha portato a credere che questo prodotto possa essere un valido sostituto della CO2, ma invece deve essere utilizzato solo quando necessario e al massimo in concomitanza di CO2 per trarne i migliori benefici, questo perché il carbonio fornito non è nella forma gassosa fornita dalle bombole e quindi meno volatile e di minor assorbimento da parte delle piante, inoltre ad alto dosaggio sottrae ossigeno all’acqua e andrebbe anche ad intaccare la flora batterica all’interno del filtro ed in più ad alti dosaggi la glutaraldeide diventa tossica per gli esseri viventi, quindi il suo utilizzo deve essere calibrato seguendo le indicazioni riportate nel bugiardino del produttore.

Addirittura sembrerebbe che a bassi dosaggi questi prodotti favoriscano la comparsa di alghe filamentose, quindi come capirete il loro utilizzo non è propriamente sempre un beneficio.

Consiglio anche di non mischiare i protocolli fertilizzanti, quindi se utilizzate un fertilizzante di un determinato marchio il consiglio è quello di proseguire con il carbonio liquido dello stesso marchio, questo perché si avrà la certezza che il protocollo è stato testato in laboratorio e quindi non provoca nessun disturbo a pesci e piante.

 

CONSIGLIO SUI PRODOTTI A BASE DI CARBONIO LIQUIDO

Seguimi

Leggi il prossimo ARTICOLO